Come faccio a sapere se mi stanno hackerando il profilo o il mio account Amazon?

La tecnica utilizzata solitamente è la seguente:

tutto inizia con l’invio di una mail di conferma per un acquisto Amazon di un articolo a basso costo che di fatto l’utente non ha mai fatto.

Se ricevi una conferma d’acquisto Amazon controlla bene di essere tu o chi solitamente utilizza il tuo account ad averlo effettuato.

Se non vedi la mail della conferma d’ordine Amazon controlla nella cartella cestino, i pirati informatici sono abili nella programmazione e non lasciano traccia dei loro reati.

Entra subito nel tuo account Amazon e controlla negli ordini effettuati, sicuramente non vedrai nulla tra gli ordini in corso, allora guarda nella sezione Archivi. Ripeto, la prima cosa che un hacker impara è guadagnare tempo e lo fa nascondendovi indizi.

Annulla subito l’ordine che hai trovato negli archivi se corrisponde a quello sospetto.

Il problema nasce ora:
L’acquisto serviva al cyber-pirata per verificare la funzionalità dei tuoi metodi di pagamento.

Se hai un backup di tutte le carte utilizzate fino a quel punto elimina tutti i metodi di pagamento carte di credito, conti correnti, etc che hai registrato e al limite lascia una ricaricabile perchè una opzione di pagamento deve esserci. Cambia subito la password di Amazon.

Purtroppo potrebbe essere troppo tardi: appena entrati ti potresti accorgere che hanno cambiato loro le password del tuo account Amazon rendendoti impotente…Oddio tutti i miei dati, le mie carte, il mio conto corrente.

Niente panico, tranquilli, Amazon è una grande azienda e sa come tutelare e proteggere i suoi utenti.

Contatta subito Amazon spiegando cosa è successo sul tuo profilo, spiega che sei vittima di un furto di identità.

Prima di tutto annulleranno qualsiasi ordine che tu non abbia effettuato, dopodichè attiveranno la procedura per resettare la password di accesso, inviandoti una mail con le istruzioni.

Questo se siete stati fortunati, perchè potrebbe anche trattarsi di ransomware. La loro diffusione è stata così veloce da coinvolgere le autorità e le autorità di tutto il mondo, che insieme ad alcuni dei più famosi pilastri dell’industria informatica hanno lanciato l’iniziativa No more ransom, che vede coinvolta anche la Polizia Postale Italiana. Come agisce un virus ransomware? Una volta che scaricato il file, il danno è fatto: il malware si installerà nel disco rigido del computer, rendendolo di fatto inutilizzabile. Tutti i file presenti nel disco fisso, infatti, saranno crittografati e resi illeggibili: per decrittare le informazioni vi sarà richiesto il pagamento di un riscatto (ransom in inglese) dall’hacker. Si tratta di un’estorsione al 100% anche se digitale: pagare per vedersi liberare i propri file. ma non disperate, perchè per ogni problema c’è una soluzione? Esistono diversi modi per eliminare ransomware e senza dover pagare il riscatto.

Post a comment